Contributo d’iscrizione (esempio di impiego dell'a.s. precedente)

 Questa amministrazione scolastica, al fine di rendere trasparente e tracciabile la previsione di spesa dei fondi derivanti dalla quota d’iscrizione , comunica le voci di spesa coperte dai suddetti contributi:

Contributi da famiglie

Quota unitaria

€ 120,00

Num. Alunni

750

€ 90.000,00

Descrizione


Ripartizione della
quota
per destinazione

 

Somma da utilizzare

Destinazione

 01

Non Vincolati

 

€ 24,00

 83.250,00

19.500,00

Funz. Generale/ amm.

 

€ 37,00

27.750,00

Funz. didattico

 

€ 10,00

7.500,00

Investimenti

 

€ 40,00

28.500,00

 Vari progetti POF

 02

Vincolati 

 Assicurazione

€ 9,00

 6.750,00

€ 6.750,00

Vincolati assicur.

 

€ 0,00

   
 

€ 0,00

   

All’interno del Funzionamento Generale e amministrativo saranno liquidate le spese relative all’ordinario funzionamento della scuola, come ad esempio spese per prodotti sanitari (kit pronto soccorso, cassette pronto soccorso, ghiaccio secco per l’intervento immediato in piccoli infortuni), prodotti di pulizia (detergenti e ausili),  prodotti di igiene personale (carta igienica, rotoloni asciugamani, ecc), nonchè spese generali afferenti ai mezzi di trasporto di proprietà della scuola (pullman, pulmino, assicurazione e bolli) spese relative ai servizi di rilegatura registri, spese per acquisto di stampati, cancelleria, spese telefoniche, postali e bancarie, nonché derattizzazione degli ambienti interni ed esterni, interventi urgenti di piccola entità su immobili, abbonamenti a software gestionali, come quello per la gestione dell’orario o il software di gestione degli alunni, o le spese per il software ScuolaNext. Fotocopie per il personale docente. Spese per l’adesione a reti di scuole, per la partecipazione a Bandi provinciali, nazionali o per l’accesso ai finanziamento FSE, Progetto Leonardo (per la realizzazione di stages in aziende europee – Germania, Spagna, Francia) Questo capitolo di spesa prevede un minimo finanziamento statale, con il quale si coprono appena le spese inerenti la pulizia, i costi amministrativi quali posta e gestione c/c bancario, e che non consente la copertura di tutte le necessità per garantire il regolare funzionamento della scuola.

All’interno del Funzionamento didattico, saranno liquidate tutte le spese afferenti alla gestione corrente dei laboratori didattici (Chimica, Fisica, Meristematica, Informatica, Zootecnia,  Tecnologia, Azienda, Trasformazione, Scienze) compresa la manutenzione e il rinnovo degli impianti (in parte anche nel capitolo Investimenti). Alcuni esempi di spese che ricadono su questo capitolo sono quelle di gestione dei rapporti con le aziende per gli stages, quelle per il materiale delle esercitazioni nei laboratori, per le analisi necessarie ai fini della sicurezza, anche ambientale dell’istituto. Costi di fotocopie inerenti la didattica e il Piano dell’offerta formativa curriculare. Spese per l’organizzazione di uscite didattiche e visite alle aziende agricole, zootecniche, enologiche e viti-vinicole. Considerato l’esiguo finanziamento ministeriale, anche in questo settore diventa indispensabile, ai fini di garantire un adeguato svolgimento delle attività didattiche, il contributo delle famiglie.

All’interno del capitolo d’Investimento, saranno liquidate tutte le spese afferenti al rinnovo o rimessa a norma dei mezzi della scuola (pullman, scudo, trattori e altri strumenti aziendali), nonché al rinnovo in parte dei laboratori informatici, di trasformazione, chimici, di fisica, di zootecnia e di scienze. Il Consiglio d’Istituto ha approvato il ripristino della funzionalità del laboratorio di meristematica (con un investimento che va da 10.000,00 a 15.000,00 euro), con interventi strutturali per l’eliminazione delle infiltrazioni e dell’umidità. Si prevede inoltre il cablaggio dell’edificio 3 e il miglioramento della wi-fi per  gli altri edifici, per garantire l’uso del registro elettronico in tutte le classi e consentire in tempo reale la possibilità di accesso alle famiglie alle assenze dei propri figli.

All’interno dei Vari progetti POF, si sostengono le spese specifiche per ogni singolo progetto del Piano, che non abbia un finanziamento proprio (come ad esempio il progetto I.e.F.P. dell’Istituto professionale) e che vede l’ampliamento dell’offerta didattica. Si precisa che i costi non si riferiscono mai a spese di personale, in quanto tutto il personale è stipendiato dal Ministero e riceve compensi accessori ministeriali dedicati per eventuali attività svolte oltre il proprio orario di servizio per il miglioramento e l’ampliamento dell’offerta.

Si riferiscono bensì ai materiali di consumo, dalle piantine di lavanda per il progetto Impresa Simulata, al mangime per le galline, i pulcini e i galli,  alla rete per il pollaio per il Centro avicolo per la conservazione delle razze storiche, dall’adesione ad iniziative di orientamento scolastico per la promozione della scuola all’utenza in entrata e l’accoglienza stessa, nonché l’ausilio all’orientamento in uscita per le classi quinte.

Fondamentale interesse riguarda il progetto Festa d’Istituto (o Festa di Primavera), nella quale confluiscono fondi per la realizzazione della stessa. Le spese afferiscono ai più disparati settori, dal noleggio dei tavoli e dei palchi, all’acquisto di materiale vario, alla stampa delle locandine. Le entrate realizzate con la festa stessa andranno a finanziare gli stages interni ed esterni per il riconoscimento di una piccola quota di partecipazione ai ragazzi coinvolti.

All’interno del POF è presente anche il progetto Viaggi d’Istruzione, che riveste un’importanza fondamentale e che rischia di essere soppresso qualora non vi siano entrate sufficienti, che permettano alla scuola di contribuire per l’accesso ai Viaggi di istruzione alle famiglie meno abbienti.

Da tutto quanto sopra esposto si ribadisce l’importanza del versamento del contributo da parte delle famiglie, anche se riconosciamo la difficoltà dell’attuale momento socio-economico. La programmazione delle spese e quindi dei progetti e della didattica curricolare è totalmente dipendente da questa entrata.

Qualora non si raggiungano in tutto o in parte le entrate previste, la scuola non sarà in grado di garantire il funzionamento dei laboratori, degli impianti e delle strutture.

La presente circolare non verrà consegnata in copia cartacea alle famiglie (per motivi economici), ma pubblicata in versione integrale sul sito web della scuola www.agrariofirenze.it, nell’area di comunicazioni alle famiglie. Si prega pertanto di prenderne visione. 

Festa di Primavera 2019

18-19 MAGGIO

Servizi di Intermediazione

almadiploma-rapporti-lavoro

AGRARIO FIRENZE
Corso serale

spazio web degli studenti

Apprendistato primo livello

 

Privacy

Istituto Tecnico Agrario Statale ITAGR - Via delle Cascine, 11 - Firenze - Tel. +39 055 362161
Istituto Professionale di Stato per l'Agricoltura e l'Ambiente IPSAA - Via dei Vespucci, 1 - Firenze - Tel. +39 055 4224322
Copyright © 2006-2015 www.agrariofirenze.it
Sito realizzato da Vedanet.it